HOME >  GALLERIA TAPPETI -  KILIM E TAPPETI PIATTI CAUCASICI
 
 
  

La tessitura dei cosiddetti "tappeti lisci", è stata praticata in diverse comunità sparse un po' dovunque nel mondo, dall' Europa all' America, dall'Africa all' Asia.

Tra questi tessuti spicca senz'altro, il Kilim, la cui origine risale ad epoche remote, ma il cui sviluppo e splendore venne raggiunto soprattutto in Anatolia. Prevalentemente fertile l' Anatolia, è sempre stata terra di contadini per i quali l' agricoltura è sostegno quotidiano; e nei secoli è stata attraversata da popolazioni nomadi di vario tipo ( dai Yoruk, ai Turcomanni), che non hanno che arricchito le tradizioni ed il folclore dei villaggi già esistenti.

Drappi ornati di motivi geometrici, assai simili ai Kilim erano riprodotti sulle pareti delle case di Catal Huyuk, nel cuore dell'Anatolia, abitata dal V al VI secolo a.C

I kilim sono tessuti su telaio orizzontale o verticale, usando quasi esclusivamente filato di lana.

All'ordito robusto e consistente si intrecciano e sovrappongono trame strutturali o supplementari, variamente colorate e composte secondo le tecniche più o meno complesse.

In Anatolia, le tecniche ed i disegni presenti sui Kilim sono stati tramandati, rimanendo pressochè inalterati, di generazione in generazione.

Il kilim è sempre stato, nella cultura anatolica, il modo per poter esprimere la propria artigianalità e creatività , soprattutto tra le donne, che si occupavano della casa. I Kilim, grazie alla loro leggerezza, venivano lavorati non solo d'inverno, stagione in cui ci si chiude in casa, ma anche d'estate.

I kilim erano destinati a diversi usi: tappeti da stendere sul pavimento, tende per porte o finestre, tappeti da preghiera e anche tovaglie.

Nella casa tradizionale di un villaggio anatolico, il salotto è arredato con lunghe panche di legno e kilim al fianco o sopra di esse.

Spesso i kilim anatolici sono coloratissimi, con un effetto armonioso di colori, sfumature e tonalità che, combinati tra loro, danno un effetto positivamente impressionante.

Ciò che caratterizza la produzione anatolica dei tessuti piani, è soprattutto la diversità e la ricchezza dei disegni, oltre alla varietà ed alla luminosità dei colori. Questa eredità , fonte inesauribile di ispirazione e patrimonio in perenne mutamento, continua a dare i suoi frutti, grazie alla vivace interazione fra popoli ed idee, influenze e creatività personale. Infatti al contrario di altre parti del mondo, qui la produzione dei Kilim è stata arricchita da una fertile tradizione folclorica e da innumerevoli influenze.

Scroll Up
Scroll Down